Fare esperienza del Signore Risorto

“Questa esperienza di pace e riconciliazione interiore (doni del Risorto) la facciamo soprattutto quando diamo a Dio tempi gratuiti di preghiera, di silenzio, di ascolto della Parola; quando siamo fedeli alla preghiera quotidiana, senza fretta, con calma, con amore; quando dedichiamo a Dio con gioia il tempo della Messa domenicale (e arriviamo a viverla avendola preparata durante la settimana); quando lasciamo … Continua a leggere

Il fatto che ha generato il cuore della civiltà

di Gianfranco Ravasi, L’OSSERVATORE ROMANO di domenica 8 aprile 2012 Pasqua di chi crede e di chi non crede  «Pensi al Getsemani, signor pastore. Tutti i discepoli si erano addormentati. Non avevano capito nulla. Ma non era ancora il peggio. Quando il Cristo fu inchiodato alla croce e vi rimase, tormentato dalle sofferenze, esclamò: “Dio mio, Dio mio, perché mi … Continua a leggere

Pasqua, una storia d’amore

Enzo Bianchi, dall’omelia nella Veglia Pasquale Quando Gesù è morto in croce, rimettendo nelle mani del Padre il suo spirito (cf. Lc 23,46; Sal 31,6), facendo della sua morte un atto puntuale, di vera obbedienza filiale della creatura al Creatore, dopo una vita «di obbedienza fino alla morte e alla morte di croce» (Fil 2,8), dopo una vita in cui … Continua a leggere

Preghiera pasquale

Signore, Dio della vita, rimuovi le pietre dei nostri egoismi, la pietra che soffoca la speranza, la pietra che schiaccia gli entusiasmi, la pietra che chiude il cuore al perdono. Risuscita in noi la gioia la voglia di vivere, il desiderio di sognare. Facci persone di resurrezione che non si lasciano fiaccare dalla morte, ma riservano sempre un germe di … Continua a leggere

Giovedì Santo. L’agnello che ha sconfitto il drago

http://www.osservatoreromano.va/portal/dt?JSPTabContainer.setSelected=JSPTabContainer%2FDetail&last=false=&path=/news/cultura/2012/080q12-L-Agnello-che-ha-sconfitto-il-drago.html&title=L’agnello che ha sconfitto il drago&locale=it Nell’ultima Cena Gesù istituisce la Pasqua cristiana. All’antico agnello, egli sostituisce se stesso. Gli ebrei, mangiando la Pasqua, si sentivano a loro volta personalmente e attualmente partecipi dell’Esodo. E la ragione profonda era la fedeltà di Dio, che un giorno aveva liberato i padri dalla schiavitù e ora continuava ad accompagnarli. La provvidenza divina … Continua a leggere

Una Pasqua nel segno di Giovanni Paolo II

Fonte: http://gaetanovallini.blogspot.com/ È una Pasqua nel segno di Giovanni Paolo II quella che ci apprestiamo a celebrare. In questi giorni che precedono la sua beatificazione, nell’augurare a tutti voi una buona e santa Pasqua, mi permetto di riproporre il primo messaggio pasquale Urbi et Orbi che il Papa affidò al mondo il 15 aprile 1979 a meno di un anno … Continua a leggere

Vietato assopirsi. La settimana santa spiegata da papa Benedetto

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/ Ai tre giorni che sono il cuore dell’anno liturgico Benedetto XVI è guida impareggiabile. Basta vedere che cosa ha detto il 20 aprile, mercoledì santo, all’udienza generale in piazza San Pietro, spesso abbandonando il testo scritto e improvvisando. La sua riflessione a braccio ha riguardato soprattutto il Giovedì Santo, anzi, quell’ora cruciale della passione di Gesù che è la … Continua a leggere

«La Settimana Santa è un viaggio verso l’alto»

di Massimo Introvigne, 18.4.11 http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-la-settimana-santa-un-viaggio-verso-lalto-1612.htm Entriamo nella Settimana Santa. Nell’omelia del 17 aprile per la Domenica delle Palme Benedetto XVI si è chiesto: l’insieme di gesti che noi cattolici compiremo è «qualcosa di più di una cerimonia, di una bella usanza? Ha forse a che fare con la vera realtà della nostra vita, del nostro mondo?». Per trovare la risposta, … Continua a leggere

Io vado avanti come un asino ..- + Card Roger Etchegaray

Io vado avanti come un’ asino… Sì, proprio come quell’animale che un dizionario biblico così descrive: “L’asino della Palestina è molto robusto, sopporta bene  il caldo, si nutre di cardi:  ha una forma di zoccoli che rende molto sicuro il suo camminare, costa poco il  mantenerlo. I suoi unici difetti sono la testardaggine  e la pigrizia”. Io vado avanti come … Continua a leggere

II domenica di Pasqua (omelia)

– E’ la II domenica DI Pasqua e non DOPO Pasqua: siamo ancora immersi nel mistero centrale della nostra fede da cui scaturiscono ogni realtà: l’EUCARISTIA, la PACE , lo SPIRITO, la COMUNITA ’, i SACRAMENTI… – E’ l’OTTAVO GIORNO, otto giorni dopo la Pasqua, ottavo giorno, cioè il primo della nuova (ed eterna) settimana: giorno del Risorto che appare … Continua a leggere