10 “A” da ricordare nella vita

Van Thuan, Scoprite la gioia della speranza

Carissimi fratelli nel sacerdozio. Con questa omelia, concludiamo i nostri esercizi spirituali: giorni di preghiera, di silenzio, di intimità con il Signore che ci ha chiamati.

 

Prima di uscire e tornare alle nostre occupazioni, vorrei lasciarvi le dieci “A” da ricordare nella vita, perché è adesso che veramente cominciano gli esercizi: dopo i giorni di pace vissuti insieme, seguono tempi duri, pieni di impegni ed attività.

Molte volte pensiamo di dover agire e lavorare, ed è vero. Non è meno vero che dobbiamo prima pregare ed ascoltare.

 

Per questa ragione, le dieci “A” da ricordare nella vita sono divise in due parti: le prime cinque riguardano il fuoco interiore; le altre cinque l’impegno esteriore.

 

Cominciamo con il fuoco interiore, perché è la causa del fuoco esteriore:

 

Il fuoco interiore

 

1. Adorare: dopo questi esercizi, tutti noi possiamo dire: “Ho incontrato Gesù!” Abbiamo contemplato il volto di Cristo, che è Amore. L’abbiamo visto nei suoi quattordici difetti. Sappiamo che la gente cerca il volto di Dio. Siamo noi a farglielo vedere.

 

2. Amare: la seconda “A” da ricordare, è quella di “Amare”: dopo che abbiamo incontrato Gesù, diciamo pieni di gioia: “Vidimus Iesum!”. L’amore di Cristo ci scuote, così come è stato per san Paolo: “Caritas Christi urget nos!”. È il fuoco dell’amore di Cristo che brucia i cuori degli apostoli. Lasciamoci bruciare! È fuoco d’amore!

 

3. Ascoltare: noi, sacerdoti, dobbiamo prima di tutto ascoltare Dio. Non possiamo parlarne se prima non lo ascoltiamo attentamente, come fece Maria a Betania. Gli uomini vogliono vedere Gesù tramite noi. In secondo luogo, ricordiamoci di poter ascoltare Dio nella nostra coscienza. Noi formatori di coscienze, quanto bisogno abbiamo di essere fedeli alla nostra propria coscienza. Finalmente, questa “A” vuole ricordarci il bisogno di ascoltare gli altri, come fa un padre con suo figlio, come fa un dottore con un ammalato, come faceva Cristo con tutti.

 

4. Abbandonarsi: parlando ancora del fuoco interiore, è importante “abbandonarsi”, cioè, lasciarci amare da Dio. Egli ci ama non per i nostri meriti, né per le nostre azioni o qualità. Ci ama perché ci ha voluto adottare come figli suoi. Lasciamoci dunque amare da Dio!

 

5. Accettare: quest’ultima “A” del fuoco interiore ci insegna ad accettare sempre il momento presente, cioè, il pane quotidiano che Dio nella sua provvidenza ci dà ogni giorno: le nostre occupazioni, le nostre difficoltà, i nostri successi e fallimenti, noi stessi con la nostra propria croce. Accettiamola con amore e gioia. Viene da Dio.

 

L’impegno esteriore

 

L’uomo dal cuore ricolmo di Dio è l’apostolo che mostra a tutti il volto del Padre. Queste cinque “A” si riferiscono all’impegno esteriore e non possono esistere se non c’è prima il fuoco interiore.

 

6. Agire: questa sesta “A” ci ricorda che Gesù, non soltanto chiamò i suoi perché fossero con lui, ma pure perché andassero a predicare il suo vangelo: ite, baptizate, docete, sanate. È lui che ci invia. Come san Paolo, sopportiamo tutto a causa del Vangelo: omnia propter Evangelium.

 

7. Animare: mossi dallo Spirito Santo, portiamo Gesù a tutti gli uomini. Ogni nostro atto, dal più piccolo al più importante, è un’opportunità di portare Gesù. Nelle processioni del Corpus Christi, gli ostensori hanno dentro l’ostia, che è Gesù. Anche noi siamo un ostensorio. C’è o non c’è dentro di noi l’ostia? A cosa servirebbe una processione il cui ostensorio non abbia dentro Gesù?

 

8. Appassionarsi: l’ottava “A” ci ricorda che noi sacerdoti non siamo gente vuota, ma veramente appassionata. La nostra passione è contenuta nel Padre nostro, la gloria di Dio e la salvezza delle anime: Dio e gli uomini. Ecco la nostra passione. Innanzitutto Dio, e per questo preghiamo ogni giorno: sia santificato il tuo nome! Venga il tuo Regno! Sia fatta la tua volontà!

E poi, gli uomini, nostri fratelli: dacci oggi il nostro pane quotidiano! Rimetti i nostri debiti! non ci indurre in tentazione!…

 

9. Avventurarsi: il messaggio del vangelo esige radicalità. Cristo è un avventuriero e noi, suoi seguaci, dobbiamo pure avventurarci assolutamente, subito, senza condizioni. Toto corde, tota anima, usque ad effusionem sanguinis! Un chiaro esempio ne è Padre Kolbe, avventuriero di Cristo.

 

10. Allietarsi: l’ultima delle “A” non è meno importante delle altre. Dopo questi esercizi siamo tutti lieti e contenti. Allietiamoci nella grande gioia della speranza! Noi, che viviamo pienamente donati alle anime, ricordiamo la promessa di Cristo: “Chi darà un bicchiere d’acqua ad uno di questi, non rimarrà senza ricompensa”.

 

Così, io posso ridere ogni giorno, malgrado le croci e le difficoltà. E se il tuo cuore ha ancora dei dubbi, non ti preoccupare! L’amore di Dio, è ancora più grande del tuo cuore.

 

Maria, stella dell’evangelizzazione

10 “A” da ricordare nella vitaultima modifica: 2009-04-27T09:32:06+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento