Chiesa dei poveri

Chiesa dei poveri, non solo Chiesa che aiuta i poveri con la sua organizzazione assistenziale. Chiesa dei poveri è Chiesa che si fa povera: Chiesa che condivide l’impotenza dei poveri, Chiesa che riconosce la propria collocazione nell’universo degli esclusi; Chiesa che sceglie, che ha capito che il mondo è diviso in due patrie, la patria degli oppressi e la patria degli oppressori, e che, a imitazione di Cristo, non materialisticamente, ma dal fondo entra nell’universo degli oppressi. Questa è la Chiesa dei poveri, della debolezza, la Chiesa esclusa, la Chiesa dello svuotamento di sé, la quale, soltanto a questa condizione della totale povertà, può annunciare il piano di Dio, quel piano di Dio che Luca presenta come un piano sovversivo. Dice: Dio rovescia i potenti dai troni e esalta gli umili, sazia di beni gli affamati e caccia i ricchi a mani vuote.

(L. Rosadoni, Il mestiere di essere vivi p. 173).

Chiesa dei poveriultima modifica: 2010-09-23T22:31:00+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento