Cantalamessa nella celebrazione della Passione

Copyright Radio Vaticana

Dolore umano senza risposta senza il mistero della morte e risurrezione di Cristo

Colui che contempliamo sulla croce è Dio “in persona”. Finchè non si riconosce questa verità, “il dolore umano resterà senza risposta”: così padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, nell’omelia per la celebrazione della Passione del Signore, presieduta ieri pomeriggio nella Basilica Vaticana da Benedetto XVI. Il sacerdote cappuccino ha esortato a non far passare sotto silenzio la testimonianza dei martiri dei nostri giorni. Quindi ha ribadito che le “sciagure che colpiscono insieme colpevoli e innocenti non sono mai un castigo di Dio”. Il Servizio è di Paolo Ondarza.

Il Papa in ginocchio, in silenzio, ai piedi della Croce; poi senza scarpe, in segno di penitenza, bacia il crocifisso offrendolo alla contemplazione dei fedeli. Sono i gesti essenziali della celebrazione della Passione del Signore che ha il suo culmine nell’adorazione del Sacrificio di Cristo sulla Croce. “Qui, inchiodato al legno c’è Dio in persona”, senza questa verità di fede da proclamare forte il Venerdì Santo – ha detto padre Cantalamessa – il dolore umano resta senza risposta”. Dio invece scegliendo di bere dal calice amaro del dolore ha dimostrato che in fondo a questo calice ci deve essere una perla: la risurrezione. “La risposta della croce – ha proseguito il predicatore della Casa Pontificia – non è solo per i cristiani è per tutti. Lo Spirito Santo offre a ogni uomo la possibilità di essere associato al mistero pasquale” proprio attraverso la sofferenza. Oggi – ha riscontrato – “il mondo cristiano è tornato ad essere visitato dalla prova del martirio che si credeva finita con la caduta dei regimi totalitari”:

“Proprio oggi, Venerdì Santo del 2011, in un grande paese dell’Asia, i cristiani hanno pregato e marciato in silenzio per le vie di alcune città per scongiurare la minaccia che incombe su di loro … E come non rimanere ammirati dalle parole scritte nel suo testamento dall’uomo politico cattolico, Shahbaz Bhatti, ucciso per la sua fede, il mese scorso? Il suo testamento è lasciato anche a noi, suoi fratelli di fede, e sarebbe ingratitudine lasciarlo cadere presto nell’oblio”.

“Anche il mondo – ha aggiunto padre Cantalamessa – si inchina davanti ai testimoni moderni della fede”. Si spiega così l’inatteso successo in Francia del film “Uomini di Dio” sull’uccisione dei sette monaci cistercensi a Tibhirine nel Marzo 1996. “Ma i martiri cristiani non sono i soli a soffrire e a morire intorno a noi”, ha constatato il padre francescano ricordando e tragedie consumatesi in mare nelle ultime settimane e la catastrofe abbattutasi sul Giappone. “Cosa possiamo offrire a chi non crede, oltre la nostra certezza di fede che c’è un riscatto per il dolore?” , si è chiesto il predicatore:

“Possiamo soffrire con chi soffre, piangere con chi piange (Rom 12,15). Prima di annunciare la risurrezione e la vita, davanti al lutto delle sorelle di Lazzaro, Gesù ‘scoppio in pianto’ (Gv 11, 35). In questo momento, soffrire e piangere, in particolare, con il popolo giapponese, reduce da una delle più immani catastrofi naturali della storia. Possiamo anche dire a questi fratelli in umanità che siamo ammirati della loro dignità e dell’esempio di compostezza e mutuo soccorso che hanno dato al mondo”.

La globalizzazione – ha rilevato padre Cantalamessa – ha almeno questo effetto positivo: ci dà occasione di scoprire che siamo una sola famiglia umana”. “Terremoti, uragani e altre sciagure che colpiscono insieme colpevoli e innocenti non sono mai un castigo di Dio. Dire il contrario significa offendere Dio e gli uomini. Sono però un ammonimento – ha detto il religioso – a non illuderci che basteranno la scienza e la tecnica a salvarci”:

“Se non sapremo imporci dei limiti, possono diventare, proprio esse, lo stiamo vedendo, la minaccia più grave di tutte”.

“Ci fu un terremoto anche al momento della morte di Cristo – ha ricordato il sacerdote cappuccino – ma ce ne fu un altro ancora più grande al momento della sua risurrezione. Così sarà sempre. A ogni terremoto di morte succederà un terremoto di risurrezione e di vita”.

Cantalamessa nella celebrazione della Passioneultima modifica: 2011-04-23T10:57:24+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento