“GIOVANI INDIVIDUALISTI? ritrovare l’amicizia e la calma meditativa” di Arturo Paoli

http://pietrevive.blogspot.com/

La mia giovinezza ormai lontana è stata un tempo vissuto con gioia e anche con tristezza. Le gioie erano la mia famiglia, dove ho vissuto una condizione felice fino ai vent’anni, e soprattutto le amicizie che mi sono sempre state facili, sentivo forte l’attrazione verso l’amicizia con i miei compagni di età e qualche volta ricevevo i rimproveri di mia madre perché vi dedicavo troppo tempo. Confrontate con la realtà di vita dei giovani di oggi, queste due dimensioni sono cambiate profondamente, e il cambiamento è avvenuto in peggio. L’individualismo del giovane nasce già in famiglia, dove non vive quella scuola di dialogo, di scambi che possano fare di lui quasi insensibilmente una persona c o r d i a l e .

 

Sistematicamente ci viene proposto il tema e il problema dei giovani. Vi vorrei parlare piuttosto del problema degli adulti in rapporto con i giovani. La relazione adulti – giovani è difficile perché parte da un atteggiamento di base non corretto: il giovane deve imparare dall’adulto e condividerne i valori. Fratel Arturo nei suoi momenti “profetici” ripete che i nostri valori di adulti sono come fiori recisi tanti anni fa e appassiti nelle nostre mani. Pretendiamo che i giovani li apprezzino, li condividano e li amino. Il giovane sta su un’altra lunghezza d’onda. Leggi tutto: L’editoriale di Mario De Maio del Quaderno di Maggio “Giovani oggi” di ORE UNDICI

“GIOVANI INDIVIDUALISTI? ritrovare l’amicizia e la calma meditativa” di Arturo Paoliultima modifica: 2011-05-03T08:33:11+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento