Amore…

Dal Dizionario spirituale
del cardinal C.M.Martini, pag.18

Chiamo amore quell’esperienza intensa, indimenticabile e inconfondibile che si può fare soltanto nell’incontro con un’altra persona.
Non c’è quindi amore con una cosa astratta, con una virtù. Non c’è amore solitario. L’amore suppone sempre un altro e si attua in un incontro concreto. Per questo l’amore ha bisogno di appuntamenti, di scambi, di gesti, di parole, di doni che, se sono parziali, sono tuttavia simbolo del dono pieno di una persona ad un’altra.
Amore è dunque incontrare un’altra persona scambiandosi dei doni, è esperienza in cui si dà qualcosa di sé e c’è più amore quanto più si dà qualcosa di sé.
L’amore è un incontro in cui l’altro ci appare importante, in un certo senso più importante di me: così importante che, al limite, io vorrei che lui fosse anche con perdita di me. Uno scopre di essere innamorato quando si accorge che l’altro gli è divenuto, in qualche modo, più importante di se stesso. Per questo l’amore realizza qualcosa che potremmo chiamare un’estasi, un uscire da sé, dal proprio tornaconto: una sorta di estasi in cui io mi sento tanto più vero e tanto più autentico, tanto più genuinamente io quanto più mi dono, mi spendo e non mi appartengo più in esclusiva.

Amore…ultima modifica: 2011-07-24T15:09:25+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento