“Il potere della carezza” Tonio Dell’Olio ricorda don Tonino Bello

Il potere della carezza

Tonio Dell’Olio

Don Tonino era capace di cogliere e valorizzare la filigrana delle cose.
Di leggere la bellezza di ciascuno e di scolpirla nel suo cuore.

 

Poteva avvenire normalmente di trascorrere un’intera giornata con don Tonino, di incontrare le stesse persone e visitare gli stessi luoghi. Di restarne anche molto soddisfatti, anzi con l’anima colma di suggestioni e significati.
Per lui era diverso.
Aveva l’attitudine, quasi un dono di natura, a rileggere in profondità i volti e le situazioni. Riusciva a cogliere i segni di Dio in ogni persona. Ogni cosa veniva strappata alla sua banalità apparente per essere scolpita come significativa nella sua anima.
Don Tonino era uomo dalle letture profonde delle situazioni che mai si fermavano alla superficie. Sempre riusciva a leggere la filigrana segreta delle cose. D’altra parte per vedere la filigrana è necessario mettere la banconota in controluce. E lui amava rileggere situazioni, storie, persone lasciandole illuminare dalla luce profonda di Dio. Ogni persona era davvero un dono.

Leggi tutto: Il potere della carezza

“Il potere della carezza” Tonio Dell’Olio ricorda don Tonino Belloultima modifica: 2011-10-05T09:58:30+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento