Preghiere (di Bose) per la pace

http://www.monasterodibose.it/content/category/8/209/438/lang,it/   Sii porto di rifugio per l’afflitto sostenitore e difensore per la vittima dell’oppressionecasa per il forestierobalsamo per il sofferente Aiutaci ad essere profeti Concedici di fare ciò che è giusto Infondi nei nostri cuori il dono sublime dell’amore La pace come un tesoro quotidiano Nella tua volontà, o Dio, è la nostra pace! Noi preghiamo per tutta l’umanità … Continua a leggere

SIGNORE MIO DIO

Aiutami, Signore mio Dio, ad essere obbediente senza ripugnanza, povero senza rammarico, casto senza presunzione, aiutami, Signore mio Dio, ad essere paziente senza mormorazione, umile senza finzione, giocondo senza dissipazione, aiutami, Signore mio Dio, ad essere austero senza tristezza, prudente senza fastidio, pronto senza vanità, aiutami, Signore mio Dio, ad essere timoroso senza sfiducia, veritiero senza doppiezza, benefico senza arroganza, in … Continua a leggere

L’icona dell’amicizia

Fonte: http://profrel.blogspot.com/2011/11/licona-dellamicizia.html Quanto contava per Gesù l’amicizia? Andate a leggere i seguenti passi: Lc 10,38-42; Gv 11,33-36; Gv 13,23. Vi propongo un’icona copta del VII secolo che raffigura Cristo che abbraccia san Mena, abate del monastero di Alessandria. Questa immagine è comunemente denominata Icona dell’amicizia.L’icona rappresenta Gesù che accompagna un discepolo. Gesù è ben riconoscibile dal nimbo (aureola) che attornia il … Continua a leggere

Parola di vita di novembre 2011

“Vegliate, dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora” (Mt 25,13)  Gesù è appena uscito dal tempio. I discepoli gli fanno notare con orgoglio l’imponenza e la bellezza dell’edificio. E Gesù: «Vedete tutte queste cose? In verità vi dico, non resterà qui pietra su pietra che non venga diroccata»[2]. Poi sale sul monte degli Ulivi, si siede e, guardando … Continua a leggere

Il percorso e il discorso – Gianfranco Ravasi

«Si deve conoscere la meta prima del percorso. Chi non ha uno scopo non prova quasi mai diletto in nessuna operazione. Incrociamo tra loro due voci, identiche per tema e per epoca storica, anche se di lingua differente». La prima frase che proponiamo appartiene a uno scrittore tedesco che aveva assunto uno pseudonimo francese, Jean Paul (1763-1825). Egli traccia simbolicamente … Continua a leggere

Talmente liberi e creativi da perdere il senso della vita

di Susanna Tamaro, CORRIERE DELLA SERA di domenica 30 ottobre 2011 Dio è diventato un’opzione, la società non ha più orizzonti  Il brano che pubblichiamo sopra è un inedito estratto da L’isola che c’è. Il nostro tempo, l’Italia, i nostri figli, nuovo libro di Susanna Tamaro edito da Lindau (pp. 176, 12) che sarà in vendita dal 3 novembre. Si … Continua a leggere

Benedetto XVI: “Dopo la morte non c’è il nulla”

Nel giorno della commemorazione dei defunti l’intervento del Papa nell’udienza generale nell’aula Paolo VI http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/papa-pope-el-papa-morte-death-muerte-vaticano-vatican-9565/  Nell’udienza generale nell’Aula Paolo VI, nella giornata della Commemorazione dei defunti, il Papa ha toccato oggi il tema della morte, così come viene vissuto nella società.  «Nel recarci ai cimiteri a pregare con affetto e con amore per i nostri defunti,siamo invitati, ancora una volta, … Continua a leggere