LA FEDE DI SATANA

Da Il Mattutino di Gianfranco Ravasi (Avvenire, 13.12.11)

Satana è molto spirituale. La sua natura è la stessa di un puro spirito. In lui non vi è neppure un’oncia di materia. Non ha propensione per il materialismo banale. E quindi – ci si può scommettere – la spiritualità è il suo stratagemma.

Ci si potrà sorprendere, ma è difficile contestare queste righe del libro La fede dei demoni (Marietti 1820, 2010) del filosofo francese Fabrice Hadjadj, nato nel 1971, di origine ebraica, convertito dall’ateismo al cattolicesimo. Satana, come insegna la dottrina tradizionale, è «puro spirito»; perciò, non è così ingenuo da affidarsi al materialismo greve per convertire a sé le persone più avvedute. No, sceglie spesso un’altra via, quella dello spiritualismo etereo, magico, esoterico che colma ormai intere biblioteche specializzate e si vende persino su eBay. Egli, allora, propone una sua fede, lasciando da parte gli attrezzi arrugginiti di un certo ateismo alla “Unione Atei Agnostici Razionalistici” che sa tanto di vecchia congrega miscredente e gaudente («Dio non c’è: goditi la vita!»). Satana predilige, invece, una spiritualità individualistica, egoistica, snob e detesta la “carnalità” cristiana che costringe a sporcarsi le mani nel curare malati, a varcare soglie di carcere rovinandosi la reputazione interessandosi ai colpevoli, a impantanarsi negli spazi fangosi riservati ai nomadi, a curare vecchi bavosi, servendo a mensa brutti ceffi affamati. Eppure, il Dio cristiano del Natale si nasconde proprio lì, nella carne degli ultimi della terra, lui che ha scelto di finire sull’equivalente di allora della sedia elettrica. Aveva ragione un altro filosofo più celebre, l’austriaco Ludwig Wittgenstein: «Il cristianesimo non è una dottrina, né una teoria sull’anima umana. È la descrizione di un evento reale nella vita dell’uomo».

Vedi anche:
Ci sono due errori uguali ed opposti nei quali la nostra razza può cadere a riguardo dei diavoli. Uno è non credere alla loro esistenza. L’altro è crederci, e nutrire un eccessivo e insano interesse in essi. Loro stessi sono ugualmente compiaciuti da ambedue gli errori e salutano un materialista o un mago con lo stesso piacere.

da “Le lettere di Berlicche” di C.S. Lewis

LA FEDE DI SATANAultima modifica: 2011-12-15T08:44:43+01:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento